Domenica 8 Dicembre - 3:28
On line: 13 In chat: -

Per godere di tutti i servizi offerti devi essere registrato. Se non lo sei ancora clicca qui, altrimenti:
User:
Password:
Memorizza scelta:
  Perso la password?


ASKO (writer)
Mr Cohen: (08 Dec, 10:21)
bella!!!!

ZeNyA: (22 Nov, 21:53)
ekkime!!hiihhiihi

RAS: (22 Nov, 21:31)
cibo? cazzo pure iooooo

RAS: (22 Nov, 21:30)
ace?di lecce? no quello mio



 


Inviato da : GrannySmith
Data inserimento articolo: 02/03/2007
Autore: Reef The Lost Cauze


 Feast or famine
In questo nuovo spazio su Fulleffect.it troverete di volta in volta segnalazioni di dischi rap americano da avere o da ascoltare; saranno sempre prodotti validi e al di fuori dal circuito mainstream.
Cominciamo segnalando l'album “Feast or famine” di Reef The Lost Cauze (Eastern Conference rec. 2005):mc del giro JuJu Mob e Army of the Pharohas, ci regala preciso album compatti, pulitissimi tecnicamente, dai grandi contenuti e musicalmente potentissimi.In questo album Reef è affiancato in varie occasioni da mc altrettanto validi, su tutti Chief Kamachi e Sean Price (Boot Camp), e da produttori non da meno come dj Mighty Mi, King Magnetic e dj Huggy.
Sean Price (già Ruck degli Heltah Skeltah), di cui già accennato, ha invece pubblicato per la Duck Down rec. “Jesus Price Supastar”, il suo secondo album solista a due anni di distanza dal bellissimo “Monkey Barz”; il risultato del disco è alterno, non tutte le tracce si equivalgono ma contiene un consistentee numero di brani killer che ne giustifica l'aquisto; tra i produttori questa volta si trova gente come 9th Wonder (il primo ad usare i campioni soul e le voci accelerate...sicuramente prima di Kayne West) e Khrysis.
Altra novità da ascoltare è sicuramente il connubio fra Tame One e i Dusted Dons, a nome Slow Suicide Stimulus; l'album omonimo (uscito per la Flospot rec.) vede oltre ai padroni di casa una all-star newyorkese, tra i quali El-P, Aesop Rock, Yak Ballz e Vast Aire come ospiti.I SSS giocano più di fino dei dischi precedentemente segnalati ma la qualità resta alta.
Per concludere, vale la pena ascoltare “Shades of reality” di Access Immortal, mc di Brooklyn con un impronta sia nel suo rap sia nei suoni che predilige molto metà '90; stiamo parlando di materiale classico, non innovativo ma che colpisce per classicità.Il tutto esce per la Fat Beats rec.; produzioni di J Zone, 7L, Insight.
Alla prossima.

GrannySmith



  Stampa questa pagina
  pubblicita' |help |collabora |disclaimer